04
Apr
2022
News

Il Mezzogiorno come hub europeo dell’idrogeno e ponte energetico

Il Mezzogiorno d’Italia rappresenta il principale serbatoio italiano di energie rinnovabili (oggi produce il 52,3% della quota nazionale di eolico, solare e bionergie) e diventerà presto uno dei principali hub europei dell’idrogeno, ideale frontiera di collegamento tra Europa e sud Mediterraneo nel processo di transizione energetica che porterà alla decarbonizzazione. A dirlo è Massimo Deandreis, direttore generale di SRM, durante il suo intervento a Napoli al seminario “Il ruolo del Mezzogiorno per la sicurezza energetica italiana ed europea”.

I futuri sistemi energetici, secondo Deandreis, dovranno essere basati su tre elementi fondanti: sostenibilità, sicurezza ed equità, paradigmi su cui saranno orientate le future scelte energetiche, economiche, sociali e geopolitiche. Le strategie da adottare per il nostro passaggio a un sistema energetico sostenibile dovranno, quindi, individuare un corretto bilanciamento e un equilibrato compromesso fra questi tre elementi.

L’Unione europea sta compiendo grossi passi verso la sostenibilità, anche grazie alla pandemia che ha fatto esplodere la produzione delle rinnovabili negli ultimi due anni. Il mix di produzione di elettricità nella Ue, peraltro, è cambiato notevolmente nell’ultimo ventennio con la diminuzione dell’uso del carbone e del petrolio e con l’aumento dell’utilizzo del gas. L’Italia rappresenta, tra i principali Paesi europei, quello più dipendente dall’estero per guanto riguarda il fabbisogno energetico (77%), contro una media UE-28 pari al 58%, mentre la Francia è quella meno esposta fra i grandi (48%). La transizione energetica ci porterà, quindi, dal mix produttivo del passato (petrolio, carbone e gas) a quello del futuro (gas, idrogeno ed elettricità), considerando che l’efficienza energetica e i costi legati ad ogni commodity incidono sia sull’equità sia sulla sostenibilità ambientale.

L’Europa dovrà affidarsi alla cooperazione energetica fra le sponde nord, sud ed est del bacino mediterraneo, tre macrozone con caratteristiche socio-economiche ed energetiche molto differenti e che possono integrarsi molto bene fra di loro. Il nord Europa ha un alto livello di sviluppo ed elevato consumo e dipendenza energetica, Il sud Mediterraneo ha con rilevante disponibilità di riserve fossili ed energie rinnovabili con un livello di sviluppo e benessere sociale relativamente basso. La sponda est mediterranea, invece, ha una situazione socio economica intermedia fra nord e sud e una disponibilità di riserve fossili concentrate in alcuni Paesi e un buon potenziale delle rinnovabili.

I Paesi europei hanno già inserito l’idrogeno nella propria strategia di transizione energetica, che prevede l’installazione di almeno 6 GW di elettrolizzatori entro il 2024 e 40 GW nel 2030. La catena di valore dell’idrogeno può essere una prospettiva di business significativa per il Mediterraneo, grazie all’elevato potenziale delle rinnovabili. Il Nord Africa e il Medio Oriente sono le regioni a più alto potenziale per l’idrogeno, in particolare il Marocco e gli Emirati Arabi Uniti.

Il Mezzogiorno d’Italia possiede un importante patrimonio di energie rinnovabili: ci sono aree con abbondanti risorse geotermiche (Campania e Sicilia) e sempre il Sud pesa per il 91% della produzione a terra di gas. Rafforzare la produzione di energia rinnovabile nel Mezzogiorno significa fare diventare il Sud Italia uno dei principali hub europei dell’idrogeno, ponte energetico del Mediterraneo grazie alla sua posizione geografica che la pone al centro del mare nostrum. Il Mezzogiorno, infatti, rappresenta l’ideale porta d’ingresso di nuovi flussi energetici provenienti dal Nord Africa verso l’Europa, con i suoi porti punto d’arrivo delle varie pipeline e vicini alle industrie energivore e alle raffinerie.

(Articolo tratto dal sito group.ntesasanpaolo.com)

Stampa
MED & Italian Energy Report 2021

Il Rapporto ENEMED 2021, quest'anno intitolato The new game of hydrogen in the Euro Mediterranean region, è il frutto della sinergia tra SRM e l’ESL@Energy Center del Politecnico di Torino.  Allo studio hanno collaborato il Joint Research Center della Commissione Europea e la Fondazione Matching Energies

Il Rapporto compie un’analisi ad ampio raggio sul tema dell’idrogeno, una delle nuove frontiere del futuro sistema energetico. Oggi, infatti, è necessario porre l’attenzione su fonti energetiche e tecnologie che possano consentire il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità e decarbonizzazione al centro dell’agenda europea – e italiana.  In questo contesto, la regione del Mediterraneo può assumere una funzione cruciale, in termini di sviluppo di nuove fonti rinnovabili e studio e applicazione di nuove tecnologie per la riduzione delle emissioni e l’efficientamento di tutta la filiera energetica. Porti e Shipping, insieme al settore manifatturiero, sono tra i primi attori della trasformazione green, e all’idrogeno.   

€ 70,00
Scopri di più

© Copyright 2021 S.R.M. Studi e Ricerche per il Mezzogiorno - P.iva 04514401217

© Copyright 2021 SRM services - P.Iva/C.F.: 09117291212 - Privacy policy

Powered by

Ti stiamo reindirizzando su