10
Giu
2021
News

Online il Bollettino Mezzogiorno 1/2021 consulta i dati della tua regione

I dati delle principali variabili economiche, analizzati periodicamente da SRM attraverso il Bollettino Mezzogiorno, descrivono come gli effetti della pandemia da Covid-19 siano stati considerevoli per l’economia del Mezzogiorno. L’anno 2020, infatti, si è chiuso con un calo delle principali variabili macroeconomiche. Un dato tra tutti, quello dell’export che ha registrato un calo del 13,7% rispetto al 2019.

In controtendenza il numero delle imprese (+1%) e, in particolare, quello delle Società di capitali che, con un +5,7%, ha dato un ulteriore impulso al processo di irrobustimento del tessuto imprenditoriale meridionale, già in atto negli anni passati.

I bollettini sono organizzati in forma regionale e in una sintesi del Mezzogiorno. Registrati per scaricare gratuitamente i paper.

Segui questo link per accedere alla pubblicazione

 

Stampa
Bollettino Mezzogiorno 1 - 2021

A fine 2020 nel Mezzogiorno sono attive 1 milione e 716mila imprese, il 33,3% delle imprese attive in tutta Italia. Rispetto al corrispondente valore del 2019, il dato è in lieve aumento (+1%); in particolare, mentre resta costante il numero delle imprese individuali, si riducono le società di persone (-1,9% a 174.134) e crescono considerevolmente le società di capitali (+5,7% a 360.710 imprese). Una tendenza analoga si riscontra anche nel Centro-Nord e in Italia. Fatta eccezione per le costruzioni (+2,2%), il numero di imprese attive risulta in calo in tutti i principali settori, con le attività manifatturiere e l’agricoltura che registrano entrambe un -0,1%; stabile il comparto del commercio. La forza lavoro del Mezzogiorno nel 2020 è stata composta da 7 milioni e 200mila individui (il 28,6% del totale nazionale), in calo del 4% rispetto al 2019. Il numero di occupati è sceso a 6 milioni e 57mila persone (-2%), mentre il numero dei disoccupati a 1 milione e 143mila unità (-13,3% contro -7,6% nel Centro-Nord e -10,5% in Italia). Il tasso di occupazione ha registrato un calo portandosi al 44,3%, mentre quello di disoccupazione si attesta al 15,9%; in calo anche il tasso di disoccupazione giovanile (da 45,5% del 2019 a 43,3% del 2020) e quello di disoccupazione femminile (da 19,7% del 2019 a 17,9%,). Per quanto riguarda il commercio con l’estero, infine, nel 2020 il Mezzogiorno ha registrato un interscambio commerciale con l’estero pari ad quasi 86,5 miliardi di euro, in calo del 17,1% rispetto al 2019; le importazioni sono state pari a 43,4 miliardi (-20,3%) e le esportazioni pari a 43 miliardi (-13,7%).

Gratis!
Scopri di più

© Copyright 2021 S.R.M. Studi e Ricerche per il Mezzogiorno - P.iva 04514401217

© Copyright 2021 SRM services - P.Iva/C.F.: 09117291212 - Privacy policy

Powered by

Ti stiamo reindirizzando su